Les paroles

Dio vi salvi Regina

Dio vi salvi Regina
E Madre Universale
Per cui favor si sale
Al Paradiso.

Voi siete gioia e riso
Di tutti i sconsolati,
Di tutti i tribolati,
Unica speme.

A voi sospira e geme
Il nostro afflitto cuore,
In un mar di dolore
E d'amarezza.

Maria, mar di dolcezza
I vostri occhi pietosi,
Materni ed amorosi
A noi volgete.

Noi miseri accogliete
Nel vostro santo Velo
Il vostro Figlio in Cielo
A noi mostrate.

Gradite ed ascoltate,
O Vergine Maria,
Dolce, clemente e pia,
Gli affetti nostri.

Voi dei nemici nostri
A noi date vittoria ;
E poi l'eterna gloria
In Paradiso.

Innu à San Carlu

Diu ti salvi San Carlu

D’ogni virtù mudellu

Tù dasti à Diu’n celu

Onore è gloria !

 

Quantu ferma in memoria

La to fede tamanta

È casta è pia è santa

In lu Signore.

 

Tù forza, tù rigore,

Umilità, purezza

Per l’alme a salvezza,

O Borromeu !

 

Riccu di doni è d’allevu

Ben’prestu’n zitellina

À a càrica divina

Fusti prumessu.

 

Tanti beni in pusessu,

Tù’n Roma cardinale

Era in corte papale

To vita scritta.

 

Ma ghjunse tant’afflitta,

Di u fratellu la morte,

Tandu sceglisti sorte

Sacerdutale.

 

Da u Domu catetrale

Di a cità di Milanu

Ne ripigliast’in manu

Tutt’e to pievi.

 

‘Lu piovi o ch’ellu nevi

Pigliasti le stradelle

Versu e to pecurelle

E più sbandate.

 

Di e lege rinnuvate

Ti primurasti tantu

Quand’u Cunciliu santu

‘Nsignò la strada.

 

Oimè l’archibusgiata

Di quellu frate indegnu,

Ma fù divinu segnu

Chì a ti franchessi.

 

Spugliendu à tè stessu

Di palazz’è mubìlia

Circasti la sumìglia

Cun Ghjesù bonu.

 

O quantu festi donu,

Quantu festi preghere

Per le tamante schiere

Cun sete è fame.

 

È ghjunt’a pesta infama

Riscaldu, cibu è lettu

È cura ad ogn’infettu

Tù rigalasti.

 

Tù, vescu cunsacrasti

À to caru Lisandru

Ch’in Aleria da tandu

Fù gran’pastore.

 

Ma si spènsenu l’ore

Di a to sant’esistenza

Da tanta penitenza,

Tanta fatica.

 

À sta chjesa gesuita

Quella to cunfraterna

Per la to grazi’eterna

Dasti u to nome.

 

Di tempu passatone

Tù esempiu d’ogni vescu,

Da lu Cinquecentescu

Splende u to visu.

 

Cù u Patre in paradisu

È Cristu à lu to fiancu

À tè n’u Spirdu Santu

Gloria’n eternu !

U Campanile di San Ghjuvà 

Venedu di terra nova per carrughju sumera

Carrughju drittu u guadellu cu mio spurtellu

Mi ne scendu a u merca

Tuttu he di tende e si vede

Fiori e panere di mimosa

Si spechja nant'u mare

Cume le bellu u campanile di san ghjuva

 

Mughjanu le vinderole

O quanta ghjente ch'un si po passa

Vi ghjamanu le pisciaghje

O signore venite a cumpra

Sardelle vive si sente a trubetta

Di l'acqua di munsera

Sottu a u campanile di san ghjuva

 

I campanili di pasqua

Da u portu novu a san ghjise

Inde tutte quelle cantine

Di canistro sin'a u merca di pe

Inle strette so le chjocche

Ci ghjocanu a baiocche nant'u merca

Di ghjunghju vicin'a u mare

He u piu grande u campanile di san ghjuva

 

A sera a u chjar di luna

O quella ghjente venite a affacca

Ghitarra e mandulina

Un serinatu pudete asculta

O quanta alegria bastia canta e sona

Ancu libecciu fischera

Sopra u campanile di san ghjuva