Les paroles

Moita

Moita nun ti piacia

Ma nisunu lu disprezza

 

Ti piacia l'acqua fresca

Di le muntagne d'Orezza

 

Ogni poltra chi s'affila

Strappà vole la cavezza.

Borgu

Un generale fù mandatu qui

In Bastia pè tumbà è feri

Stu conte scemu chi vulia fà

Dumà lu populu di Pasquà

 

Ma sti guerrieri arditi è fieri

So di la sterpa di Sampieru

Di Sambucucciu, corsu sinceru

Luttonu contr'à lu strangeru

 

E quellu ghjornu compi'u sugiornu

In Cirnu è in quelli cuntorni

Chi funu avvinti, è arrivinti

Scacciati di l'isula vinti

 

St'armata feroce da serve i maio

A l'omu tranquillua guerra arrico

li pasturelli a pobbenu parà

Sopra la Bastia per la libertà

 

Ma sti guerrieri arditi è fieri

So di la sterpa di Sampieru

Di Sambucucciu, corsu sinceru

Luttonu contr'à lu strangeru

 

E quellu ghjornu compi'u sugiornu

In Cirnu è in quelli cuntorni

Chi funu avvinti, è arrivinti

Scacciati di l'isula vinti

 

In quellu Borgu a storia chi fù

Scritta in u sangue torna dinù

Pè rammintà cio chi fù è serà

Ci tocca à cantà,ci tocca à cantà…

 

Ma sti guerrieri arditi è fieri

So di la sterpa di Sampieru

Di Sambucucciu, corsu sinceru

Luttonu contr'à lu strangeru

 

E quellu ghjornu compi'u sugiornu

In Cirnu è in quelli cuntorni

Chi funu avvinti, è arrivinti

Scacciati di l'isula vinti...

Terzetti di Rusiu

Eccu pur ghjuntu, u ghjornu il di funestu

D'abbandunà i piaceri à i mei turmenti

O Diu Chi tristu ghjornu hè per mè questu

 

Vecu le mie fatighe è li mei stanti

Percepire i frutti al mio rivale

Ed eu rimangu frà pene e turmenti.

 

Sè piu ci pensu è più mi cresce il male

Son qui per ditti la mio passione

Ch'eu fui sempre sinceru è liberale.

 

Restai privu di sensu è di ragione

Pensendu ai ghjorni caminati inseme

So diventatu servu da patrone.

U Campanile di San Ghjuvà 

Venedu di terra nova per carrughju sumera

Carrughju drittu u guadellu cu mio spurtellu

Mi ne scendu a u merca

Tuttu he di tende e si vede

Fiori e panere di mimosa

Si spechja nant'u mare

Cume le bellu u campanile di san ghjuva

 

Mughjanu le vinderole

O quanta ghjente ch'un si po passa

Vi ghjamanu le pisciaghje

O signore venite a cumpra

Sardelle vive si sente a trubetta

Di l'acqua di munsera

Sottu a u campanile di san ghjuva

 

I campanili di pasqua

Da u portu novu a san ghjise

Inde tutte quelle cantine

Di canistro sin'a u merca di pe

Inle strette so le chjocche

Ci ghjocanu a baiocche nant'u merca

Di ghjunghju vicin'a u mare

He u piu grande u campanile di san ghjuva

 

A sera a u chjar di luna

O quella ghjente venite a affacca

Ghitarra e mandulina

Un serinatu pudete asculta

O quanta alegria bastia canta e sona

Ancu libecciu fischera

Sopra u campanile di san ghjuva